Mappa della Provincia Granda

Bando di Concorso

Bando di Concorso

per il conferimento di n. 37 premi per: tesi di laurea triennale, di alta formazione artistica o musicale, tesi di laurea specialistica, dottorati di ricerca, master di 1° o 2° livello o corsi di specializzazione post-universitari, svolte su argomenti socio-economici, storici, tecnici, artistici e socio-sanitari concernenti il territorio della provincia di Cuneo.

ANNO 2011

Art. 1
La Provincia di Cuneo, unitamente alla C.C.I.A.A., alla Confindustria Cuneo – Unione Industriale della Provincia, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, al Comune di Cuneo, al Comune di Alba, al Comune di Bra, al Comune di Dronero, al Comune di Fossano, al Comune di Mondovì, al Comune di Boves, al Comune di Moretta, all'Istituto Storico della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Cuneo, alla Diocesi di Cuneo – Biblioteca Diocesana, alla Diocesi di Saluzzo, al Museo Diocesano della Diocesi di Alba, all’Unione Sindacale Territoriale CISL di Cuneo, alla CGIL – Camera del Lavoro Territoriale di Cuneo, all’Associazione Pro Natura Cuneo O.N.L.U.S. e all’Associazione Culturale Antonella Salvatico nell'intento di favorire studi e ricerche sui diversi aspetti della provincia di Cuneo, bandisce per l'anno 2010 un concorso per l'assegnazione di premi da € 400,00 lordi cadauno per tesi di laurea triennale o di alta formazione artistica o musicale e di premi da € 800,00 lordi cadauno per tesi di laurea specialistica, dottorati di ricerca, master di 1° o 2° livello o corsi di specializzazione post-universitari. Ogni Ente si riserva di definire, in fase di riunione finale, se destinare il proprio premio a tesi di laurea triennale o di alta formazione artistica oppure a tesi di laurea specialistica, dottorati di ricerca, master di 1° o 2° livello o corsi di specializzazione post-universitari.
Con questa iniziativa gli Enti proponenti intendono valorizzare la realtà provinciale e favorire il collegamento tra gli studi universitari e la medesima.
Le tesi dovranno necessariamente avere per oggetto:
A) I 7 premi messi in palio dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo sono destinati a tesi inerenti le quattro aree di intervento della Fondazione, come descritte nel Documento  Programmatico Previsionale 2011 “La Fondazione per il territorio e i suoi cittadini”:
1) Investire nella società della conoscenza.
2) Stimolare lo sviluppo socio economico sostenibile.
3) Promuovere la qualità della vita.
4) Rafforzare la solidarietà e la coesione sociale.
B) I 3 premi messi in palio dalla Città di Cuneo sono destinati:
1) a tesi che trattino argomenti attinenti alla struttura socio-economica della città, alla sua storia, alle sue espressioni artistiche e culturali.
C) I 2 premi messi in palio dalla Città di Alba sono destinati:
1) a tesi il cui argomento interessi in qualsiasi campo disciplinare, il territorio ricadente nei confini dell’antica provincia di Alba.
D) Il premio messo in palio dalla Città di Fossano è destinato:
1) a tesi il cui argomento interessi in qualsiasi campo disciplinare, il territorio ricadente nei confini dell’antica provincia di Fossano.
E) Il premio messo in palio dalla Città di Mondovì è destinato a tesi il cui argomento interessi:
1) in qualsiasi campo disciplinare, il territorio ricadente nei confini dell’antica provincia di Mondovì.
F) I 2 premi messi in palio dalla Città di Bra sono destinati:
1) a tesi di qualunque disciplina, atte ad essere inserite nel patrimonio della locale Biblioteca Civica, purchè riguardino il territorio del Comune di Bra.
G) Il premio messo in palio dalla Città di Dronero è destinato:
1) a tesi di qualunque disciplina purchè riguardino il territorio di Dronero e della Valle Maira.
H) Il premio messo in palio dalla Città di Boves è destinato:
1) a una tesi di ricerca di qualunque disciplina, atta ad essere inserita nel patrimonio della locale Biblioteca Civica, purchè riguardante il territorio del Comune.
I) Il premio messo in palio dalla Città di Moretta è destinato:
1) a tesi di qualunque disciplina riguardanti il territorio di Moretta o dei Comuni limitrofi oppure a tesi di qualunque argomento purchè presentate da residenti nel Comune di Moretta.
L) I 2 premi messi in palio dall'Istituto Storico della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Cuneo sono destinati:
1) a tesi che riguardino la storia contemporanea della provincia di Cuneo.
2) lo stesso Istituto promuove un premio dedicato alla propria collaboratrice, insegnante Marinella Morini, per tesi, presentate da residenti in provincia di Cuneo, che riguardino: a) cinema e arti visive, b) uso didattico dei mezzi audiovisivi,
c) i valori della laicità nella vita pubblica e nell’insegnamento, d) storia e letteratura. Questo premio è finanziato da amici e famigliari della professoressa Morini.
M) Il premio messo in palio dalla Diocesi di Cuneo – Biblioteca Diocesana è destinato:
1) ad una tesi che riguardi istituzioni, strutture, personaggi ed avvenimenti direttamente o indirettamente relativi alla vita
religiosa della Diocesi di Cuneo, in particolare, o più in generale del territorio della provincia di Cuneo.
N) Il premio messo in palio dall’Unione Sindacale Territoriale CISL di Cuneo è destinato:
1) ad una tesi che riguardi tematiche economiche e sociali relative al mondo del lavoro.
O) Il premio messo in palio dall’Associazione Pro Natura Cuneo O.N.L.U.S. è destinato:
1) ad una tesi che riguardi la caratterizzazione storica delle pratiche e dei rimedi curativi di origine vegetale e animale con censimento del patrimonio etnobotanico e di medicina popolare delle valli cuneesi. Intervista con apposite schede-questionario demoetnoantropologiche sui molteplici usi e tradizioni delle piante della nostra flora a scopo medicinale, veterinario,
culinario, artigianale e individuazione dei nomi locali delle stesse. Individuazione degli antichi luoghi di “guarigione” e delle leggende, credenze e tradizioni inerenti ad essi. La ricerca ha il fine di salvaguardare la biodiversità e il recupero ambientale di specie particolarmente utili e a rischio, per attività economiche eco-sostenibili, per un’educazione ambientale
che inviti a non perdere memoria del nostro passato e per la promozione turistica e culturale del territorio.
P) Il premio messo in palio dall’Associazione Culturale Antonella Salvatico è destinato:
1) ad una tesi che riguardi la ricerca e la valorizzazione dei Beni Culturali.
Q) I 2 premi messi in palio dalla Confindustria Cuneo – Unione Industriale della Provincia sono destinati a tesi che trattino le seguenti aree tematiche:
1) attività economiche ed imprenditoriali;
2) viabilità e trasporti;
3) lavoro, formazione professionale, istruzione;
4) marketing del territorio (insediativo), competitività dei sistemi territoriali.
R) I 3 premi messi in palio dalla C.C.I.A.A. sono destinati:
1) a tesi che trattino argomenti relativi ad attività economiche ed imprenditoriali.
S) I 3 premi messi in palio dalla Provincia di Cuneo sono destinati a tesi che trattino le seguenti aree tematiche aff erenti al
nostro territorio provinciale con particolare riferimento a:
1) disabilità, con particolare riferimento allo sport come elemento di socializzazione;
2) ecologia, tutela ed educazione ambientale e sviluppo sostenibile;
3) difesa del suolo, pianificazione e gestione delle risorse naturali;
4) valorizzazione del patrimonio storico - artistico - culturale provinciale;
5) viabilità e sistema dei trasporti provinciali;
6) lavoro, formazione professionale e istruzione;
7) turismo, sport e tempo libero con particolare riferimento ai problemi relativi alla competitività turistica e alla sua
sostenibilità ambientale.

 

T) I 2 premi messi in palio dalla Diocesi di Saluzzo sono destinati:
1) a tesi di ricerca che riguardino aspetti storico, culturale, sociale, teologico direttamente o indirettamente relativi alla vita
religiosa del territorio saluzzese nel periodo precedente la fondazione della Diocesi e nei suoi cinquecento anni di storia.
U) Il premio messo in palio dal Museo Diocesano della Diocesi di Alba è destinato:
1) a una tesi che riguardi istituzioni, strutture, personaggi ed avvenimenti direttamente o indirettamente relativi alla storia,
all’arte e alla vita religiosa della Diocesi di Alba e/o in rapporto alle Diocesi di Asti e Acqui Terme.
V) Il premio messo in palio dalla CGIL - Camera del Lavoro Territoriale di Cuneo è destinato:
1) a una tesi di laurea triennale che riguardi tematiche economiche e sociali relative al mondo del lavoro con particolare riferimento alla condizione di precarietà dei giovani.
Art. 2
Tutti coloro che intendono partecipare al concorso dovranno presentare, a partire dal 1° agosto e entro le ore 12.00 del giorno 7 ottobre 2011, domanda in carta libera (scaricabile dal Sito Internet www.provincia.cuneo.it/servizi_amministrativi/index.jsp sotto la voce “Premi di Studio” - per informazioni tel. 0171/445881) indirizzata al Presidente della Provincia
di Cuneo - Settore Cultura – Via XX Settembre, 48 - 12100 Cuneo.
Il concorrente, nella domanda, dovrà indicare:
• le proprie generalità;
• per quale premio intende concorrere (al riguardo è possibile specificare non più di due argomenti);
• il tipo di tesi presentata (per es. tesi di laurea triennale, specialistica, dottorato di ricerca, ecc.);
• il proprio consenso, ai sensi del D.Lgs 196/2003, al trattamento dei dati personali riportati nella domanda stessa, unicamente ai fini della partecipazione al presente concorso;
• di accettare l'eventuale pubblicazione della tesi qualora, ad insindacabile giudizio degli Enti partecipanti, l'elaborato venga prescelto per l'assegnazione di un premio e ritenuto meritevole di divulgazione, escluso ogni altro compenso;
• di accettare la corresponsione di € 175,00 lordi (per tesi di laurea triennale o di alta formazione artistica o musicale) e di € 350,00 lordi (per tesi di laurea specialistica, dottorati di ricerca, master di 1° o 2° livello o corsi di specializzazione post-universitari), a titolo di rimborso spese per la cessione della copia della tesi agli Enti proponenti, qualora la medesima
non venga premiata, ma sia ritenuta - ad insindacabile giudizio degli stessi Enti - particolarmente interessante ai fini della conoscenza delle materie di studio che sono state oggetto del presente bando.
Alla predetta domanda dovrà essere allegata la seguente documentazione:
a) copia della tesi di laurea, di diploma, di specializzazione post-universitaria o di dottorato (gli allegati cartografici dovranno
pervenire possibilmente ripiegati in formato A4 o A3). La tesi dovrà essere presentata in formato cartaceo, in lingua italiana
e, nel caso in cui fosse stata redatta in lingua straniera, se ne richiede la relativa traduzione. Qualora ciò non fosse possibile
sarà facoltà degli Enti premianti stabilire l’ammissibilità o meno della stessa al Concorso;
b) certificato in carta libera, rilasciato dalla Segreteria dell'Università frequentata attestante, oltre all'esito finale e alla valutazione
complessiva della tesi, che la tesi presentata è quella discussa in sede di esame di laurea, di diploma, di specializzazione
post-universitaria o di dottorato, entro il triennio precedente la data di chiusura del termine del presente concorso;
ovvero relativa autocertificazione da rilasciarsi sulla base del modello allegato al presente bando. In caso di trasmissione
di autocertificazione i candidati dovranno, altresì, allegare una fotocopia della carta di identità in corso di validità;
c) breve relazione (max 1 pagina) nella quale il concorrente specifica la coerenza tra gli argomenti trattati nella propria tesi e
le materie oggetto del bando.
Non saranno prese in considerazione le tesi che perverranno oltre i limiti stabiliti o non siano corredate di tutta la documentazione
richiesta o per le quali non siano rispettate tutte le condizioni previste dal presente bando.
Sono altresì escluse le tesi di laurea già presentate a precedenti concorsi indetti dalla Provincia.
Art. 3
Le tesi saranno esaminate da un'apposita Commissione giudicatrice così composta:
• Presidente della Provincia o suo delegato (con funzioni di Presidente della Commissione);
• Presidente della C.C.I.A.A. o suo delegato;
• Presidente della Confindustria Cuneo - Unione Industriale della Provincia o suo delegato;
• Sindaco della Città di Alba o suo delegato;
• Sindaco della Città di Bra o suo delegato;
• Sindaco della Città di Cuneo o suo delegato;
• Sindaco della Città di Dronero o suo delegato;
• Sindaco della Città di Fossano o suo delegato;
• Sindaco della Città di Mondovì o suo delegato;
• Sindaco della Città di Boves o suo delegato;
• Sindaco della Città di Moretta o suo delegato;
• Presidente dell'Istituto Storico della Resistenza o suo delegato;
• Direttore della Biblioteca Diocesana - Diocesi di Cuneo o suo delegato;
• Vescovo di Saluzzo o suo delegato;
• Direttore del MUDI – Museo Diocesano della Diocesi di Alba o suo delegato;
• Segretario Generale dell’Unione Sindacale Territoriale CISL di Cuneo o suo delegato;
• Segretario Generale della CGIL - Camera del Lavoro Territoriale di Cuneo o suo delegato;
• Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo o suo delegato;
• Presidente dell’Associazione Pro Natura Cuneo O.N.L.U.S. o suo delegato;
• Presidente dell’Associazione Culturale Antonella Salvatico o suo delegato;
• n. 20 esperti designati uno per ogni Ente partecipante all’iniziativa.
Funge da segretario un dipendente provinciale.
Qualora occorra, la predetta Commissione potrà essere integrata con la nomina, da parte del Dirigente del Settore Cultura di
esperti in relazione alle materie trattate e le cui valutazioni concorreranno alla formulazione della graduatoria.
L'assegnazione dei premi sarà effettuata insindacabilmente con provvedimento dei competenti organi dei rispettivi Enti aderenti
all’iniziativa. Qualora uno o più premi non vengano assegnati nella presente edizione del bando, gli Enti possono, ad
insindacabile giudizio, rimettere in palio l'anno successivo i premi non assegnati.
Art. 4
Le copie delle tesi premiate saranno trattenute dagli Enti predetti.
Qualora vi siano tesi non premiate, ma particolarmente interessanti per i dati in esse contenuti, è prevista la cessione delle stesse,
dietro corresponsione di € 175,00 lordi per tesi di laurea triennale o di alta formazione artistica o musicale e di € 350,00 lordi
per tesi di laurea specialistica, dottorati di ricerca, master di 1° o 2° livello o corsi di specializzazione post-universitari, a titolo
di rimborso spese e ai fini del loro inserimento nella Biblioteca dell'Ente per la pubblica consultazione.